CellFasting, stimolare le sirtuine con un nutraceutico

Articolo di SoLongevity Research

I geni della longevità possono essere attivati con uno specifico mix di nutrienti. Questo l’obiettivo che ha spinto la ricerca SoLongevity a mettere a punto una speciale formulazione: una combinazione di amminoacidi, polidatina e NAC che, in un test clinico controllato, si è dimostrato efficace nel riequilibrare lo stress ossidativo e nel ridurre i parametri infiammatori

Articoli correlati

Le sirtuine

Le sirtuine sono il “Santo Graal” della scienza della longevità. Non stupisce, quindi, che molti gruppi di ricerca le studino da anni, indagando diversi modi per attivare i geni che sottostanno alla loro sintesi, con l’obiettivo di mantenere o migliorare le condizioni di salute delle persone e permettere loro di vivere bene a lungo. Come? Per esempio attraverso l’integrazione alimentare. Grazie alla ricerca SoLongevity, è stato messo a punto un nutraceutico che sfrutta uno dei meccanismi che permette di attivare le sirtuine: CellFasting. La sua formula è una combinazione di amminoacidi, polidatina e NAC che, in un test clinico controllato, si è dimostrato efficace nel riequilibrare lo stress ossidativo e nel ridurre i parametri infiammatori.

 

Le sirtuine, cosa sono?

Le sirtuine sono proteine prodotte da una famiglia di geni che tutti gli esseri viventi possiedono e che hanno uno scopo straordinariamente semplice e affascinante: garantire la sopravvivenza dell’organismo. Una sorta di cabina di regia che accende e spegne la nostra attività metabolica e una serie di processi biochimici essenziali per permettere di affrontare minacce estreme, sino a che le condizioni ottimali non sono ristabilite. 

La scienza della longevità li studia perché la possibilità di attivarli permette di innescare un processo di “resetting” del nostro organismo: un po’ come quando il computer si blocca e bisogna premere una combinazione di tasti per riavviarlo e farlo tornare a lavorare bene.

Sappiamo che i pilastri per stimolarli – in particolare per stimolare Sirt1 – sono semplici: fame, freddo e rischio fisico. Èper questo che certe terapie per la promozione della longevità si focalizzano sulla restrizione calorica, la crioterapia e l’attività fisica come emulazione di una condizione di rischio fisico.

Ci sono tre modi per stimolare le sirtuine: fame, freddo e rischio fisico

Sirt1 e restrizione calorica

All’interno della famiglia delle sirtuine, la Sirt1 appare quella destinata a governare il metabolismo cellulare. Si attiva quando la cellula percepisce una carenza nutrizionale perché vengono a mancare i nutrienti sia per l’attività energetica (catabolica) che per quella produttiva (anabolica). È come se la fabbrica cellulare soffrisse di una carenza di combustibile e di materie prime per produrre i suoi manufatti.

Mimare la restrizione è uno dei modi per ingannare l’organismo e attivare attivare i geni delle sirtuine

 

La scienza della longevità studia le sirtuine perché la possibilità di attivarle permette di innescare un processo di “resetting” del nostro organismo

Quando il nostro organismo registra questa condizione, attiva una via metabolica specifica chiamata AMPK. Questo insieme di reazioni biochimiche hanno il compito di modulare la centrale energetica della cellula (la via insulinica) e l’attività produttiva proteica (la via mTOR). Se la AMPK si attiva, riduce progressivamente l’attività cellulare, mantenendola al minimo sino ad una sorta di ibernazione. La cellula riduce quindi la sua “usura” e “dura” più a lungo. 

La restrizione calorica è dunque uno dei modi per attivare le sirtuine (in particolare la Sirt1) perché “spegne” l’attività cellulare, soprattutto quando è “sopra giri”, ovvero iperstimolata da una dieta ipercalorica. 

La strategia nutraceutica per stimolare le sirtuine

Nel mondo degli integratori alimentari, ve ne sono diversi che hanno l’obiettivo di modulare il livello di glucosio per modulare la via insulinica, legata alla trasformazione del glucosio in energia. Esiste una seconda strategia, ancora sperimentale, che invece mira a ridurre in modo diretto l’attività di produzione proteica (la via mTor). Ed infine, vi è anche un terzo approccio che è quella che pone al centro la via modulatrice AMPK, attraverso lo stimolo delle sirtuine.

 

La restrizione calorica è dunque uno dei modi per attivare le sirtuine, in particolare la Sirt1, perché “spegne” l’attività cellulare, soprattutto quando è “sopra giri”, ovvero iperstimolata da una dieta ipercalorica

La ricerca nutraceutica di Solongevity ha sviluppato questa ultima strategia e ha messo a punto una formula in grado di stimolare la via regolatrice AMPK, attraverso un meccanismo molto semplice: far credere alla cellula di essere in una condizione di restrizione calorica.  

Nel nostro caso, facciamo credere alla cellula di essere in una situazione di restrizione calorica per attivare la messa al minimo del suo regime di funzionamento (SirtuineAMPK ⇒ riduzione metabolismo cellulare).

La ricerca di SoLongevity sulle sirtuine ha portato alla messa a punto di un nutraceutico che si è dimostrato efficace nel riequilibrare lo stress ossidativo e ridurre l’infiammazione

Questo meccanismo comporta una serie di possibili benefici che Solongevity sta ancora in parte studiando: alcuni si sono manifestati da un punto di vista osservazionale, ovvero dall’uso in specifiche condizioni pre-patologiche, suggerendo degli ambiti di applicazione da approfondire per comprendere le relazioni causa-effetto; altri dalla deduzione che viene dalla letteratura scientifica. Tutti i benefici per essere dichiarati dovranno essere misurati in studi clinici dedicati.

Ad oggi la formula messa a punto da Solongevity come “mimetico della restrizione calorica” ha portato alla messa a punto di un prodotto che abbiamo chiamato, non a caso, CellFasting

Non si tratta di un sostitutivo del pasto, né di un prodotto dimagrante, ma di un nutraceutico che, insieme a un corretto stile di vita e a una corretta alimentazione, aiuta a riequilibrare lo stress ossidativo e a ridurre i parametri infiammatori. Grazie alla combinazione di amminoacidi, polidatina e Acetilcisteina (NAC), CellFasting agisce sia come anti-ossidante sia favorendo il metabolismo energetico, riducendo anche il senso di fatica e stanchezza.

Ultimi articoli pubblicati

Vuoi maggiori informazioni?