fbpx

Falsi miti: accelerare il metabolismo serve a perdere peso?

Articolo di SoLongevity Research
L’idea che accelerare il metabolismo sia utile per perdere peso in fretta è per lo più un falso mito. Ecco cosa dice la scienza

Di cosa parla questo articolo

  • Cos’è il metabolismo e quali sono i fattori che ne influenzano l’attività
  • Il rapporto tra metabolismo e dimagrimento
  • Come è possibile regolare i processi metabolici fondamentali

Cosa significa metabolismo?

A causa di messaggi ambigui e a volte di vere e proprie speculazioni, è rimasta nel sentire comune l’idea che una persona in sovrappeso, che magari anche provandoci non riesce a dimagrire, abbia un metabolismo lento e che accelerarlo sia la chiave per dimagrire. Ebbene, le cose sono un po’ più complicate di così. Vediamo perché.

Innanzitutto, è necessario fare chiarezza su cosa significhi metabolismo, un termine che in generale indica l’insieme dei processi biochimici che producono energia a partire dai nutrienti, e la bruciano per permettere all’organismo di sopravvivere e di svolgere qualsiasi attività.

Il metabolismo ha una velocità, che è diversa da persona a persona e che è influenzata da diversi fattori: alcuni non modificabili, come la genetica e l’età, e altri invece che sono modificabili, come l’apporto di nutrienti e le attività quotidiane. Se, per esempio, con l’età il metabolismo “rallenta”, facendo attività fisica si può mantenere a un ritmo più elevato.

“Metabolismo lento” e “accelerare il metabolismo” sono espressioni scientificamente imprecise. Meglio dire, piuttosto, “regolare il metabolismo”

Tassi metabolici basale e a riposo

Quando la parola metabolismo viene usata in determinati contesti, come in relazione a prodotti che aiutano a perdere peso, ciò a cui si allude è la possibilità di intervenire sul tasso metabolico basale o sul tasso metabolico a riposo, componenti del metabolismo su cui abbiamo meno controllo. Il primo misura il numero minimo di calorie di cui il corpo ha bisogno per mandare avanti le proprie funzioni di base, come la respirazione, la divisione cellulare, il mantenimento della temperatura. Il secondo, invece, misura il numero di calorie che il corpo brucia mentre è a riposo.

Metabolismo e dimagrimento

Sebbene sia possibile che persone con questa quota del metabolismo “lenta” impieghino più tempo per perdere peso rispetto a persone con un metabolismo a riposo “veloce”, tentare di “accelerarla” non sembra essere poi così determinante al fine del conseguimento del risultato. D’altra parte ci sono evidenze di come sia possibile dimagrire e mantenere il controllo del peso regolarizzando il proprio metabolismo, il che implica che in alcuni casi possa persino “rallentare”. La chiave, infatti, è ridurre l’apporto calorico, che fisiologicamente “rallenta il metabolismo”, e aumentare il dispendio energetico con l’attività fisica, che invece “accelera il metabolismo”.

Il metabolismo ha una velocità che è diversa da persona a persona e che è influenzata da diversi fattori: alcuni modificabili, come l’apporto di nutrienti e l’attività fisica

Regolare il metabolismo

Deve a questo punto essere chiaro che “metabolismo lento” e “accelerare il metabolismo” sono espressioni scientificamente imprecise. Meglio dire, piuttosto, “regolare il metabolismo”, e questo può essere fatto, appunto, affiancando un regime ipocalorico al movimento fisico. I regimi ipocalorici – condotti secondo precisi criteri ed evitando il fai-da-te – sono una strategia chiave non solo per perdere peso ma per regolare processi metabolici fondamentali. Essi scateno delle reazioni di compensazione, dette ormetiche, molto simili al reset di un computer.

In regimi di questo tipo non esistono soluzioni facili ma alcuni prodotti, come quelli di SoLongevity che contengono la formula GluReNad (come Cell Fasting), possono aiutare a regolarizzare il metabolismo, e contribuiscono anche a diminuire la sensazione di fame durante il digiuno. Il brevetto GluReNad opera “ingannando” i sensori del metabolismo cellulare e stimolandoli come se fossero in una condizione di digiuno, migliorando l’efficacia di uno stile di vita pro-longevità.

 

Bibliografia

Ultimi articoli pubblicati

Longevity economy: cosa serve per colmare il gender health gap?

Longevity economy: cosa serve per colmare il gender health gap?

Nicola Palmarini è uno dei principali esperti globali di innovazione nell’invecchiamento e nella longevità ed è il direttore del National Innovation Centre for Ageing (NICA) del Regno Unito, un’organizzazione globale sostenuta da un investimento iniziale del governo britannico e dell’Università di Newcastle per aiutare a co-innovare – insieme ai cittadini e alle organizzazioni pubbliche e private – servizi, tecnologie e prodotti e a proporli al mercato attraverso modelli di business innovativi, etici e sostenibili. È membro del Comitato scientifico di SoLongevity.

leggi tutto

Vuoi maggiori informazioni?