fbpx

Le novità sulla fibromialgia: il possibile ruolo dei mitocondri

Articolo di Alberto Beretta
Da anni scandagliamo la letteratura scientifica in ricerca di dati che ci possano indirizzare verso un migliore inquadramento diagnostico e potenziali terapie della fibromialgia. Una malattia che rimane ancora, dopo anni di ricerca, sostanzialmente sconosciuta. Non ne conosciamo le cause, facciamo fatica a diagnosticarla (la diagnosi si fa quasi sempre dopo avere escluso altre malattie […]

Di cosa parla questo articolo

  • La fibromialgia è una malattia di cui si sa ancora molto poco, comprese le cause
  • Uno studio italiano porta per la prima volta dati a sostegno dell’ipotesi che chiama in causa il possibile ruolo dei mitocondri
  • Alcune molecole di origine naturale, come l’urolitina, i NAD booster ed altre che lavorano sul ciclo di generazione dell’energia cellulare potrebbero rivelarsi degli utili alleati

Da anni scandagliamo la letteratura scientifica in ricerca di dati che ci possano indirizzare verso un migliore inquadramento diagnostico e potenziali terapie della fibromialgia. Una malattia che rimane ancora, dopo anni di ricerca, sostanzialmente sconosciuta. Non ne conosciamo le cause, facciamo fatica a diagnosticarla (la diagnosi si fa quasi sempre dopo avere escluso altre malattie infiammatorie o reumatiche) e non abbiamo a disposizione terapie capaci di risolvere il problema alla base. Al punto che ancora oggi la fibromialgia non è riconosciuta come un’entità nosologica autonoma, con grosse implicazioni per i pazienti che ne soffrono.

In questo contesto, l’identificazione di uno o più meccanismi biologici alla base della malattia potrebbe farci fare passi da gigante. La bravissima Roberta Gualtierotti del Policlinico di Milano, insieme ad altri colleghi fra i quali il farmacologo Massimiliano Ruscica, ha concluso uno studio su pazienti fibromialgici nei quali è stata analizzata, con una tecnica molto sofisticata, la funzionalità dei mitocondri.

Cosa sono i mitocondri

I mitocondri sono le nostre centrali energetiche. Quando smettono di funzionare, l’intero sistema cellulare entra in crisi. Non solo, un mitocondrio non funzionante diventa un peso per la cellula perché innesca processi infiammatori che finiscono per interessare tutto il tessuto. I dati dello studio, ancora considerati come preliminari anche se molto convincenti, dicono che i mitocondri dei pazienti fibromialgici non funzionano come dovrebbero. L’idea era nell’aria ma mancavano i dati.

Le implicazioni dello studio

Se i dati verranno confermati, non solo avremo a disposizione un test di laboratorio molto utile per diagnosticare la malattia, ma avremo anche in mano nuove potenziali terapie. Rinnovare i mitocondri potrebbe non essere così difficile. Alcune molecole di origine naturale, una su tutte l’urolitina, possono aiutarci. Ma anche i NAD booster e altre molecole che lavorano sul ciclo di generazione dell’energia. Abbiamo inoltre a disposizione tecniche che vengono dal mondo del “biohacking” che sembrano funzionare abbastanza bene, anche se necessitano di ulteriori evidenze sperimentali. Senza dimenticare che meccanismi molto simili sono alla base della sindrome long Covid. Forse questo studio ci fornirà informazioni utili anche per questi pazienti.

Se siete interessati all’argomento vi suggerisco di seguire domenica prossima 10 Marzo alle 17 la presentazione dei risultati dello studio (a questo link tutte le informazioni).

Bibliografia

Un nuovo studio condotto da Roberta Gualtierotti del Policlinico di Milano, suggeriscono che queste centrali energetiche delle cellule potrebbero non funzionare come dovrebbero in chi è colpito dalla patologia

Ultimi articoli pubblicati

Longevity economy: cosa serve per colmare il gender health gap?

Longevity economy: cosa serve per colmare il gender health gap?

Nicola Palmarini è uno dei principali esperti globali di innovazione nell’invecchiamento e nella longevità ed è il direttore del National Innovation Centre for Ageing (NICA) del Regno Unito, un’organizzazione globale sostenuta da un investimento iniziale del governo britannico e dell’Università di Newcastle per aiutare a co-innovare – insieme ai cittadini e alle organizzazioni pubbliche e private – servizi, tecnologie e prodotti e a proporli al mercato attraverso modelli di business innovativi, etici e sostenibili. È membro del Comitato scientifico di SoLongevity.

leggi tutto

Vuoi maggiori informazioni?